09 settembre 2014

KING OF THE ROCK 1VS1: MATTEO PICCOLI PORTA LA BANDIERA AZZURRA A TAIWAN, "CHE ESPERIENZA, ORA TESTA SOLO PER LA ROBUR"

Ci ha provato, si è battuto caparbiamente, ha sudato (molto, vista anche la temperatura), ma Matteo Piccoli non si è laureato campione mondiale King of the Rock (l’alloro è andato al turco Kivanc Dinler. Alla vigilia si sapeva che per il giovane della Robur et Fides sarebbe stata davvero un’impresa avvicinarsi all’olimpo dell’1 vs 1 mondiale radunato a Taiwan e precisamente a Green Island. Era già un successo che il talentuoso varesino fosse arrivato fino a lì, vincendo poco più di un mese fa il titolo italiano di King of the Rock, ma la voglia di dimostrare di poter competere con i migliori c’era e c’è stata fino all’ultimo secondo di match.
King of the rock vincitore 2014 “Ero il più giovane in assoluto ed è stata un’esperienza fantastica – racconta Matteo Piccoli -. Sono stato in posti incredibili, ho conosciuto modi di fare e di vivere totalmente diversi da noi. Tra templi, grattacieli, prigioni e cibo esotico ho provato delle emozioni pazzesche. Sono stato in posti in cui non avrei mai avuto la possibilità di stare”. Il campo scivoloso e il clima tropicale non hanno certo aiutato Piccoli, comunque orgoglioso di aver rappresentato l’Italia: “Potevo e dovevo vincere ma è andata male, ai turni successivi sono andate solo persone grosse perché il gioco in velocità non era possibile per il campo scivoloso. Spero di migliorare il mio gioco e l’anno prossimo tentare di vincere la finale mondiale. L’importante è restare sempre umili, allenarsi, sudare e migliorarsi ogni giorno in allenamento perché la la vittoria è bella ma quello che colpisce è la sconfitta. Quello che ti smuove dentro è la sconfitta, io odio perdere, io non gioco per partecipare ma per vincere sempre”.
Ora il suo presente si chiama Robur et Fides e la stagione di DNB sta per iniziare (al via il 4 ottobre): “Ora è il momento di concentrarsi e affrontare questa annata con la Pallacanestro Robur Et Fides e dare tutto me stesso per raggiungere gli obiettivi“. Idee chiare per Piccoli, che porta ancora dentro di sé le emozioni di Taiwan e strizza già l’occhio alla prossima edizione.

(VareseSport)

05 settembre 2014

ROBUR 2003-2004: ENNESIMO SUCCESSO PER LA ROBUR CHE VINCE IL DON MARZARI DI TRIESTE

Altra vittoria per il gruppo 2003/04 targato Robur et Fides che  conclude una stagione ricca di vittorie e soddisfazioni aggiudicandosi anche il torneo Don Marzari di Trieste.
Il torneo  come ogni anno si è svolto sui campi di Punta Sottile e Lazzaretto a Muggia, eccetto per le finali dell’ultima giornata che sono state giocate nella suggestiva cornice di piazza San’Antonio nel centro di Trieste. La compagine varesina guidata da Martino Rovera, Francesco Abbiati , Elia Somaschini e per l’occasione anche da Luca Piantanida ha facilmente ottenuto la prima posizione del girone  di qualificazione avendo la meglio sulle squadre locali di Jadran Trieste e Basket Trieste. Il turno successivo vede l’Aquila Trento avversaria dei varesini che passano subito in vantaggio e vincono in scioltezza; stesso copione per la semifinale nella quale i giovani roburini hanno la meglio sulla formazione ligure del Basket Genova Pegli anche se con qualche difficoltà in più (46-33).
Nel match di finale la compagine roburina si trova di fronte la formazione dell’Azzurra Trieste, società organizzatrice del torneo e ospitante dei giovani atleti di Varese. Nonostante i favori del pronostico fossero tutti per la Robur, che si era già imposta sui triestini nel rinomato torneo di Fossombrone, la partita inizia in equilibrio e il parziale del primo quarto vede i roburini condurre solo per 18 a 16. Dal secondo quarto in poi la formazione varesina alza l’intensità difensiva che la caratterizza e all’intervallo si porta sulla doppia cifra di vantaggio. Nella seconda parte della partita la Robur incrementa ancora il proprio vantaggio fino al risultato finale di 57 a 39.
Altro successo dunque per la Robur, vittoria dedicata a Piero Mangiarini, storico dirigente della società di via Marzorati venuto a mancare nei giorni precedenti al torneo.

Complimenti a: Gianmarco Sorrentino, Resemini Samuele, Jacopo Alesina, Pietrocola Alessandro, Paolo Lacchin, Kiran Rainieri, Marco Civelli, Matteo Mariotto, Luca Isella, Lorenzo Morello e Kevin Caccia

VareseSport

25 agosto 2014

ACCORDO RAGGIUNTO CON ALBIZZATE PER L'AZZURRINO GIORDANO PAGANI

Nuovo colpo di mercato in casa Robur con la Coelsanus che è ormai ad un passo dall’acquisizione a titolo definitivo del cartellino di Giordano Pagani, giovane talento classe 1998 della Pall. Albizzate e attualmente impegnato con la Nazionale Under 16 al campionato europeo di categoria in svolgimento in Lettonia. Infatti, contrariamente a quanto riferito pochi giorni fa nel corso della nostra intervista a Cesare Corti, la trattativa nelle ultime ore ha subito un’accelerata e possiamo ormai considerare concluso l’accordo, anche se l’ufficialità arriverà probabilmente al termine della rassegna europea che si concluderà il prossimo 30 agosto.

“E’ un accordo importante e che ci rende assolutamente felici – sottolinea il responsabile del settore giovanile gialloblu Todisco –. Ringrazio la Pall. Albizzate ed il suo Presidente Umberto Restelli per aver assecondato la volontà del ragazzo e della sua famiglia di trasferirsi nella nostra Società per effettuare un percorso di crescita che si spera possa portarlo ad ottenere grandi risultati in futuro. Già da questa stagione Pagani sarà aggregato alla nostra prima squadra, sperando possa già ritagliarsi qualche minuto nel campionato di Serie B nel corso dell’anno.. Ovviamente non mancherà il suo contributo nel campionato DNG e nel campionato U 17 Eccellenza’’. Anche oggi l’azzurrino , dopo l’ottima prova fornita due giorni fa contro la Spagna (13 punti ed 8 rimbalzi in 18’) ha realizzato 4 punti e 6 rimbalzi in 10′ nella vittoriosa prova della Nazionale U16 contro la Polonia.

(VareseSport)

23 agosto 2014

CI HA LASCIATO PIERO MANGIARINI

Tutta la Robur et Fides si stringe attorno a Ornella e Francesca per la scomparsa del nostro caro amico e storico dirigente Piero Mangiarini, scomparso questa mattina dopo aver lottato a lungo con la sua malattia.

La Robur et Fides non sarà più la stessa senza una colonna portante come Piero che negli anni ha dato cuore e anima per la nostra società, contribuendone alla crescita e allo sviluppo.

Domani alle ore 18:00 sarà recitato il Santo Rosario in suffragio presso l'oratorio di San Vittore.

Lunedì alle ore 14:00 si svolgeranno i funerali presso la Parrocchia della Brunella in via Crispi.

22 agosto 2014

DNB: RADUNO E PRIMA SGAMBATA STAGIONALE PER LA NUOVA COELSANUS ROBUR ET FIDES VARESE

Da dx: All.Passera - Maruca - Innocenti - Santambrogio - Rovere F. - Gualco - Dejace - Lenotti . Castelletta - Matteucci - Rovera M. - Bolzonella - Moalli - Piccoli - Assist.Cattalani
Inizia dalla centro Robur di via Marzorati la stagione della Coelsanus Varese che si appresta a vivere l’ennesima stagione in Serie B, questa è la nuova denominazione della quarta serie nazionale che a breve diverrà la terza. Agli ordini di Coach Franco Passera si è svolto un breve raduno informale con il discorso dei dirigenti alla squadra prima che la stessa partisse in direzione Golf Club di Luvinate per la prima sessione di atletica della stagione. Siamo andati a intervistare il responsabile della sezione basket dottor Cesare Corti a cui non potevamo certo non chiedere i retroscena del colpo dell’ultima ora che varesesport ha dato in anteprima nazionale ovvero l’ingaggio di Federico Bolzonella: ”Era il colpo che avevamo in animo di fare d’intesa con coach Passera da circa un mese. Questo perché la squadra secondo noi era abbastanza competitiva, ma mancava un play di qualità e in Bolzonella abbiamo trovato una persona valida tecnicamente e non esagero se lo definisco di categoria superiore. Poi è veramente un ragazzo eccezionale per cui, sì, abbiamo fatto un piccolo sacrificio finanziario, ma ne varrà’ la pena dato che riteniamo Federico l’iniezione necessaria per dare fiducia alla squadra e anche ai giovani”. Giovani importanti nel progetto tecnico di quest’anno. ”Adesso abbiamo tre/quattro giovani abbastanza interessanti in prima squadra, mentre con il giovane Pagani da Albizzate dubito che arriveremo al suo ingaggio. La squadra quest’anno mi piace senza discussioni - afferma Corti - e il tecnico è una sicurezza”. Per certi versi l’ accordo triennale con Bolzonella ripercorre un po’ la strada percorsa 6 anni fa quando in Robur arrivò Luca Matteucci. Così come all’epoca fu una sorpresa all’arrivo di un giocatore importante per la categoria, l’ingaggio di Bolzonella testimonia la serieta’ della società, ma anche la scelta di non continuare a fare il professionista di Bolzonella. ”Esatto - conferma Corti - come per Matteucci quella di Federico non è solo una scelta di basket, ma anche una scelta di vita. Lui è della zona ed è ancora nel pieno della sua carriera dato che ha solo trent’anni e con merito si è anche laureato in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano. Ora vorrebbe incominciare a fare la vita da grande e non più da giocatore professionista. Questa penso sia una un’altra considerazione positiva nei suoi confronti”. Coach Passera, nell’intervista esclusiva rilasciata ai nostri microfoni, parla di una squadra che abbia entusiasmo e voglia di crescere.
La prima uscita pre-campionato dei gialloblu avverrà il 3 settembre quando la Robur andrà a far visita a Lecco mentre, esattamente una settimana dopo, il 12 settembre Martino Rovera e soci viaggeranno alla volta di Mortara per affrontare una delle prossime rivali. Tra l’altro, i gialloblu incrociarono la formazione pavese anche l’anno scorso a Malnate al vittorioso Memorial Parmigiani. Il 17 e 18 settembre sarà la volta di un appuntamento ormai classico nel precampionato dei roburini con il Memorial Biganzoli che vedrà partecipare anche la neopromossa Oleggio e Gazzada allenata da coach Garbosi.
Il 23 di settembre altra amichevole con Mortara e, infine, l’ultimo appuntamento prima dell’inizio della stagione ufficiale della serie B vedrà i gialloblu di scena contro Oleggio il 25 settembre. Poi, vi saranno una decina di giorni di allenamenti prima del battesimo del fuoco che, ricordiamo, avverrà a Empoli il 5 ottobre.

Matteo Gallo (VareseSport.com)