team1

team1

29 luglio 2015

DNB: CALENDARIO 2015-2016, LA COELSANUS PREPARA LA NUOVA STAGIONE

E’ arrivato anche il nuovo calendario per la serie B 2015/16 che vedrà la Robur spostarsi nel girone B con una logistica nettamente più comoda viste le tante squadre lombarde ai nastri di partenza del prossimo campionato.
Una stagione che rivedrà lo stillicidio dei playout per chi dovrà combattere per salvare l’ormai famosa pellaccia e che vedrà impegnate le squadre che concluderanno la stagione dal dodicesimo al quindicesimo posto mentre la sedicesima retrocederà direttamente in serie C. Playout al meglio delle cinque partite mentre i playoff, che vedranno coinvolte ovviamente le prime otto della classifica, saranno come nell’anno appena trascorso. Ovvero, quarti di finale al meglio delle tre e poi semifinali e finale al meglio delle cinque gare.
Le pause previste saranno al 10 gennaio per l’All Star Game – solo di serie A2… – e 7 e 27 marzo per Pasqua e finali di Coppa Italia – ancora una doppia pausa nello stesso mese… – per concludersi il 23 aprile 2016.

Ecco il calendario dei gialloblu con la Robur che esordirà in casa contro Vicenza per poi viaggiare in Friuli contro una Pordenone ancora senza giocatori ad oggi:

26-9 Robur- Vicenza
4-10 Pordenone-Robur
10-10 Robur- Padova
17-10 Pavia-Robur
25-10 Crema-Robur
31-10 Robur-Desio
8-11 Sangiorgese-Robur
14-11 Robur-Bergamo
21-11 Robur-Lecco
28-11 Urania Milano-Robur
5-12 Robur-Udine
13-12 Costa Volpino-Robur
19-12 Robur-Orzinuovi
27-12 Mortara-Robur
2-1 Robur-Fiorentina

Matteo Gallo (varesesport.com)

20 luglio 2015

U14 ECC - FINALI NAZIONALI: LA ROBUR SI FERMA AD UN PASSO DAL SOGNO TRICOLORE

Robur et Fides Varese - Virtus Bologna 84 - 86 ( 20-22; 45-44; 66-61 )

Robur et Fides : Somaschini 30, Torrente 8, Trentini 10, Dal Ben 2, Caruso 21, Calcagni 7, Schieppati 3, Bessi 3, Civelli 0, Zanasca 0, Valli 0, Nicolini 0. Allenatore: Pagani - Binda

La Robur vede infrangersi sul più bello la possibilità di conquistare il Tricolore nella Categoria U 14. L'incontro ha visto una buona partenza dei virtussini che, grazie alla precisione al tiro dei suoi frombolieri, ha accumulato in avvio qualche lunghezza di vantaggio. Ma i roburini, con capitan Somaschini guardato a vista ( 0 punti per lui nei primi 10', ma 30 totali al 40'), hanno reagito alla grande e si sono rimessi presto in carreggiata. Il primo quarto si è chiuso sul 20-22 con i biancoblù varesini in rimonta. Nel secondo parziale la Robur è riuscita a portarsi in testa in più occasioni ed ha chiuso in vantaggio sul 45-44 col duo Caruso Calcagni ad imperversare nell'area avversaria. In questa fase anche Trentini si è fatto notare con 10 punti realizzati in pochi minuti e con una difesa attenta nel
pitturato.
Dopo la pausa lunga è iniziato lo show balistico di Somaschini, che ha iniziato ad inquadrare il canestro con continuità. La Robur ha incrementato il proprio vantaggio fino al 55-48 del 25', prima di subire una nuova rimonta da parte dei bolognesi (55-54 al 27'). Un nuovo allungo propiziato da alcune penetrazioni di Caruso fissavano
però il punteggio sul 66-61 Robur del 30'.
In avvio di ultimo quarto la Virtus riusciva a restare a contatto ed al 35' effettuava il sorpasso (73-74). La partita diventava incandescente, la determinazione dei roburini produceva un ulteriore sforzo che consentiva l'ennesimo strappo: 81-76 a 2'57" dal termine ed 84-80 a 2' dal suono della sirena. La Virtus sbagliava due comode conclusioni, ma la Robur non riusciva a chiudere i conti. Un tiro affrettato dall'angolo ed una palla persa, regalava fiducia ai bolognesi che impattavano a 51" dal termine (84-84). I roburini non riuscivano a replicare dopo il timeout di coach Pagani, e venivano infilzati da un canestro in penetrazione a 13" dal termine. La Virtus Bologna, non ancora in bonus, decideva di spendere due falli in pochi secondi. L'ultima rimessa in attacco veniva effettuata con soli 68 centesimi di secondo sul cronometro. Oramai non c'era più tempo per replicare e la Virtus Bologna poteva così esultare e salire sul gradino più alto del podio.
Alla Robur l'onore delle armi per aver combattuto strenuamente ed essere riuscita a rendere bellissima una finale che, a detta di molti, avrebbe dovuto essere scontata in favore dei bolognesi.
Il risultato lascia l'amaro in bocca , ma crediamo di poterci considerare vincitori morali di un match condotto per lunghi tratti. I ragazzi devono essere orgogliosi di quanto prodotto nell'arco della settimana e sicuramente troveranno le motivazioni, nella prossima annata sportiva, per riprovarci con ancora maggior forza.
Un ringraziamento a tutti i genitori che hanno gremito le tribune del "Pentagono" di Bormio per aver sostenuto con un tifo incessante i
propri ragazzi.

Grazie ragazzi e.... FORZA ROBUR !!!!

19 luglio 2015

U14 ECC - FINALI NAZIONALI: LA ROBUR ET FIDES BATTE LA BENETTON TREVISO, STASERA FINALE ALLE 18 CONTRO VIRTUS BOLOGNA

Robur Et Fides Varese - Benetton Treviso 60  - 42 ( 13-9; 31-20; 41-31 )

Robur et Fides : Somaschini 17, Trentini 4, Torrente 9, Caruso 13, Dal Ben 9, Bessi 0,  Calcagni 2, Schieppati 3, Civelli 0, Zanasca 3, Tonani 0, Campanale 0
Allenatore : Pagani - Binda

Altra impresa per il gruppo 2001 Robur che, a 24 ore dalla vittoria nel derby con la Pall. Varese, sfodera una prova tutto cuore contro i bianco-verdi della Benetton Treviso. Le energie nervose spese nel precedente incontro facevano temere non poco il clan biancoblù. Ma la posta in palio era troppo alta per potersi tirare indietro, così i ragazzi sono stati davvero encomiabili per applicazione e tenuta mentale e non si sono lasciati intimorire dal blasone degli avversari. Sin dalle prime azioni, nonostante le troppe imprecisioni in fase di tiro, i ragazzi di coach Pagani hanno tenuto a bada gli avversari: 9-4 al 5', 21-12 al 15' e 28-12 al 16' (massimo vantaggio dell'incontro grazie a tre palloni recuperati da un indomito Torrente ed alla "solita" tripla di capitan Somaschini). Dopo essere andati alla pausa lunga sul 31-20 in proprio favore, i roburini non accusavano passaggi a vuoto neanche nel terzo periodo. Il vantaggio si manteneva sempre sulle 10 lunghezze, nonostante i ritmi di gioco non fossero elevatissimi su entrambi i fronti. L'unico sussulto dei trevigiani avveniva al 34' ( 6-2 di parziale per il 43-37 sempre in favore dei varesini). Il timeout di coach Pagani serviva per riordinare le idee e nel giro di 4' la Robur effettuava il break decisivo che li portava sul 56-41. Somaschini era quasi infallibile dalla lunetta (8/10) e Caruso metteva il sigillo sul match con una palla recuperata a metà campo ed un gioco da tre punti. Anche Zanasca si rendeva utilissimo con una tripla dall'angolo davvero importante. Così per la Benetton era giunto il momento di alzare bandiera bianca.
I roburini potevano festeggiare a metà campo, sul suono della sirena, la qualificazione per la finale che assegnerà lo scudetto 2015 nella Categoria U 14. Gli avversari che si troveranno di fronte domani, domenica 19 luglio alle ore 18,00, saranno i bolognesi della Virtus, vincitori nella prima semifinale sulla Pall. Reggiana per 77-71. Si tratta di una riedizione della finale disputata sempre a Bormio nel 1997, quando la Robur et Fides di Marco Passera, Martino Rovera e Simone Gatti (tutti classe 1982), ebbero la meglio sulla forte Virtus Bologna di Barlera e Brkic.
Siamo sicuri che i nostri atleti ce la metteranno davvero tutta per conquistare questo scudetto, anche se in una finale fare pronostici è davvero impresa ardua ed il risultato potrà essere condizionato da molteplici fattori.
Ma, come sempre, che vinca il migliore e... FORZA ROBUR!!!

18 luglio 2015

UNDER 14 ECC. - FINALI NAZIONALI: LA ROBUR ET FIDES FA' SUO IL DERBY E CONQUISTA LA SEMIFINALE SCUDETTO

Robur et Fides Varese - Pall. Varese 80 - 76 ( 21-22; 35-35; 56-53 )

Robur et Fides : Somaschini 34, Dal Ben 6, Caruso 6, Torrente 7,Trentini 0, Schieppati 2, Bessi 5, Calcagni 6, Tonani 0, Zanasca 0, Campanale 0, Civelli 14. Allenatore: Pagani - Binda

La Robur et Fides conquista meritatamente uno dei primi quattro posti nelle Finali Nazionali di categoria in svolgimento a Bormio. I quarti di finale proponevano il più classico dei derby contro gli oramai tradizionali avversari della Pall. Varese. La partita ha visto le due squadre affrontarsi a viso aperto. I biancorossi di coach Bianchi hanno provato a spingere forte sull'acceleratore in apertura del match, conquistando un vantaggio di 5/6 punti grazie alle incursioni di Omar Seck ed ai tiri dalla distanza di Matteo Parravicini. La Robur ha invece risposto con le triple di Tommy Somaschini ( ben 6 quelle realizzate alla fine del match e 34 i punti realizzati complessivamente dall'atleta roburino). Il primo quarto si è chiuso con la Pall. Varese avanti di un punto (22-21), ed anche nei secondi 10' di gioco l'equilibrio l'ha fatta da padrone. Penalizzato ancora una volta dai falli il sempre generoso Caruso, la Robur ha trovato in Civelli (14 punti per lui alla fine), la spalla ideale di Somaschini. Sotto le plance è stato invece Calcagni a produrre buone giocate ed a fare la voce grossa a rimbalzo. Dopo il 35 pari del 20', la Robur ha provato ad allungare, ma il 56-53 del 30' in favore dei ragazzi di coach Pagani, lasciava presagire un ultimo quarto ancora all'insegna del massimo equilibrio. Nell'arco di 2', invece, i biancoblu operavano un primo strappo ( 63-55 al 32'), grazie ad un paio di canestri di "rapina" di Bessi. Ed al 36' una tripla di un ottimo Civelli portava la Robur al massimo vantaggio (72-63). La partita, a quel punto, sembrava oramai indirizzata sui giusti binari, ma qualcuno non aveva forse fatto i conti con la capacità di reazione della Pall. Varese. Una vampata di orgoglio con la solita coppia Parravicini-Seck, riportava il match in assoluta parità ( 74 pari ad 1'59" dal termine). Il pronto timeout di coach Pagani ridava però fiducia e sicurezza ai suoi ragazzi che, sfruttando il bonus degli avversari, si presentavano in lunetta con Somaschini prima e Civelli poi, realizzando tutti i tiri a loro disposizione. La difesa chiudeva bene le ultime incursioni degli avversari ed il suono della sirena sull'80-76 pro-Robur fissato sul tabellone, provocava l'esplosione di gioia di tutto clan biancoblù. 

Da segnalare lo sfortunato episodio che ha visto coinvolto Seck a 20" dal termine. In una fase di gioco l'atleta biancorosso si è procurato la frattura del malleolo. Auguriamo di cuore ad Omar una pronta guarigione , e speriamo di rivederlo presto sui campi di gioco! Domani pomeriggio (sabato 18 luglio alle ore 18,30), i roburini scenderanno nuovamente sul parquet del "Pentagono" (con diretta streaming su Pianeta Basket), per affrontare in una difficile semifinale la Benetton Treviso. Ma i nostri ragazzi proveranno ancora una volta a sovvertire i pronostici e con tanto cuore cercheranno l'accesso alla finale scudetto, in programma domenica alle ore 18,00. 

Nella prima semifinale di domani saranno invece di fronte le due
squadre emiliane di Reggio Emilia e della Virtus Bologna.
Come sempre: che vinca il migliore!!!...e FORZA ROBUR!!!

17 luglio 2015

UNDER 14 ECCELLENZA - FINALI NAZIONALI : ROBUR ET FIDES AI QUARTI DI FINALE, ALLE 16:30 DERBY CONTRO PALL.VARESE

Robur et Fides Varese - Lido Roma 70 - 67 ( 21-13; 44-28 ; 53-55 )

Robur et Fides : Somaschini 17, Caruso 7, Torrente 17, Dal Ben 17, Trentini 6, Bessi 2, Calcagni 0, Schieppati 2, Civelli 2, Zanasca 0, Tonani 0, Campanale 0
Allenatore : Pagani - Binda

Partita dai mille volti quella disputata nella Palestra di Cepina, dove la Robur si impone in volata sulla quotata Lido Basket Roma. I varesini spingono subito sull'acceleratore grazie alle fiondate di Somaschini e ad alcune buone letture sugli scarichi. Anche la difesa in avvio tiene alla grande sui temuti esterni laziali, ed il punteggio lievita fino al 21-13 di fine primo quarto. Nella seconda frazione , con Caruso e Somaschini guardati a vista, escono prepotentemente Dal Ben e Torrente (17 punti a testa) che con le loro giocate mandano in crisi i difensori romani.  Coach Pagani prova anche a riattivare Calcagni dopo l'infortunio patito nell'incontro con Moncalieri, per dare manforte sotto le plance. La manovra resta fluida per tutto il secondo quarto ed il vantaggio viene addirittura incrementato sul finire del tempo (44-28). Partita in assoluto controllo? Niente lascia presagire il contrario, ma la ripresa dopo l'intervallo lungo è da incubo. I laziali, noti per le loro qualità caratteriali, iniziano a rosicchiare punto su punto, trascinati dall'esterno Paoli (23 punti per lui alla fine). Il precoce terzo fallo di Caruso prima e di Somaschini poi, costringe coach Pagani a ruotare i propri giocatori sul parquet. Così, proprio sul suono della terza sirena, Lido Roma operava inaspettatamente il sorpasso (53-55). Questa iniezione di fiducia spingeva addirittura i romani sul 60-53 al 33'. Non avendo più nulla da perdere, a questo punto i roburini si ricompattavano e, difendendo finalmente con più attenzione nel pitturato, rientravano in partita , pronti a giocarsi la vittoria sugli ultimi possessi. Probabilmente stordita dalla inaspettata reazione dei varesini, Lido Roma non era più in grado di replicare e Somaschini diventava il "fattore", realizzando un 6/6 dalla lunetta negli ultimi 120" che risultavano determinanti per conquistare questa soffertissima vittoria.
L'incrocio nei quarti di finale  è da brividi. La palestra "Pentagono" di Bormio vedrà infatti alle ore 16,30 di oggi , venerdi 17 luglio,  scendere sul parquet le due formazioni varesine che hanno dominato il girone lombardo di questa stagione sportiva nella categoria U 14. Robur et Fides e Pall. Varese daranno infatti vita all'ennesimo derby stagionale. Che tipo di partita sarà? Nessuno pensiamo sia in grado di dirlo con certezza. Le emozioni saranno in ogni caso fortissime. Speriamo che i nostri ragazzi possano disputare una partita tutto cuore e mettere in difficoltà i biancorossi allenati da coach Bruno BIanchi.
La vittoria consentirebbe di giocarsi lo scudetto di categoria nelle semifinali e finali in programma nelle giornate di sabato e domenica.
Che vinca il migliore!