team1

team1

21 dicembre 2014

DNB: LA COELSANUS TROVA IL REGALO SOTTO L'ALBERO, BATTUTA BOTTEGONE CON UNA GRANDE PRESTAZIONE CORALE

Matteucci 22 punti
Coelsanus Varese – Valentina’s Bottegone 86-73 (21-25, 44-37, 65-55)

Coelsanus: Moalli 7 (2/3, 1/1), Bolzonella 6 (3/9), Piccoli 10 (4/6, 0/1), Rovera M. 10 (1/6, 0/1), Castelletta 10 (5/7), Innocenti 7 (3/4, 1/1), Santambrogio 12 (0/5, 2/4), Matteucci 22 (3/9, 3/6), Lenotti ne, Rovera F. 2 (1/2, 0/1). All. Passera.

Bottegone: Rossi 10 (3/5), Barsanti 13 (2/4, 1/5), Marconato 16 (2/5, 3/5), Bongi 3 (0/1, 1/3), Colombini 5 (1/2, 1/4), Giannini 16 (3/7, 3/7), Della Rosa 5 (1/2, 1/2), Ganguzza 5 (1/3, 1/2), Ianuale. All. Valerio.

E’ passato un mese dall’ultima partita casalinga per la Robur, chiamata oggi a regalare un sorriso per Natale ai propri tifosi cercando di cancellare l’amaro in bocca che ancora rimane per il derby contro San Giorgio. La sconfitta di 7 giorni fa è comunque servita a levare la ruggine dai meccanismi dei gialloblu dopo 3 settimane di stop forzato e la sfida con il Bottegone Pistoia è il match ideale per testare il riavvio del motore varesino.
Che i toscani siano una squadra tosta lo dimostrano i primi 4 minuti, dove gli uomini di coach Valerio schiacciano subito il piede sull’acceleratore arrivando a +9 (2-11) con una tripla di Bongi. Dopo l’immediato time-out di Passera, la Robur aggiusta la mira e approfittando del lieve calo d’intensità ospite rosicchia punto su punto agguantando il pari a 1′ dal termine della prima frazione con la rubata e contropiede solitario di Piccoli (19-19). Peccato che qui i gialloblu si rilassano leggermente permettendo a due dardi di Ganguzza e Della Rosa di ristabilire le distanze (21-25).
L’impressione dagli spalti è di un Bottegone ben organizzato ed una Robur un po’ confusionaria, specie in attacco dove sembra subire i cambi sistematici dei toscani; fatto sta che solo una tripla dal nulla di Barsanti fa toccare il +6 al Valentina’s (26-32 al 15′) ed i varesini, di riffa e di raffa, rimangono sempre attaccati alla targa toscana. Alla lunga, come nel 1′ quarto, cala l’intensità degli ospiti e la Robur è bravissima ad approfittarne sorpassando al 18′ con un tiro dall’arco di Matteucci (40-37). Un ottimo canestro in avvicinamento di Castelletta fissa il punteggio sul massimo vantaggio gialloblu all’intervallo, 44-37.
Luca Moalli, decisivo in cabina di regia
L’inizio della ripresa è un copione già visto al Campus, con la partenza a razzo della Robur che porta a 11 le lunghezze di vantaggio (50-39) nel giro di due minuti con due canestri del solito Matteucci. Gialloblu che non soffrono la perdita in corso per infortunio di Bolzonella, degnamente sostituito in cabina di regia da Moalli. E’ il numero 15 varesino a dettare legge: un’altra sua bomba al 25′ (55-43) spegne sul nascere l’accenno di reazione del Bottegone. Peccato che la difesa di casa si dimentica per due volte di fila di Marconato che la punisce dall’arco, 57-49. La partita è sempre combattuta con entrambe le difese che non si risparmiano anche qualche colpo proibito, ma la Robur è attenta a mantenere sempre inalterato il vantaggio accumulato, 65-55 al 30′.
L’ultima frazione si apre con una pazzesca bimane di Innocenti, ma è il solito Marconato dai 6,75 a riportare sotto la doppia cifra lo svantaggio ospite (69-62 al 34′). Varese è però brava a mantenere le distanze, nonostante Passera debba sforzarsi a muovere continuamente le pedine in campo causa problemi di falli, e trascinata dalla personalità di Moalli conduce pian piano in porto la partita: un dardo di Matteucci mette la parola fine alla partita, complice anche l’evidente stanchezza fisica degli avversari (82-68 al 37′). Robur che svolge il proprio compito portando a casa due punti molto importanti in vista dell’ultima gara del 2014 a casa del fanalino di coda Cus Torino. Gara ovviamente da non sottovalutare e da vincere per rimanere aggrappati al gruppone delle seconde, in un torneo in cui (Siena a parte) ogni punto è prezioso per guadagnare posto in classifica.

Matteo Gallo (VareseSport)

20 dicembre 2014

UNDER 17 ELITE: BELLA VITTORIA PER IL CAMPUS IN TRASFERTA A ROBBIATE

Rhinos Robbiate – Campus Varese 58-65 (13-13; 30-29; 45-46 )

Robbiate: Balestra 2; Lanza 8; Franchellucci 4; Buoso 14; Galimberti 4; Masiero 5; Battaglia 4; Mercato 0, Barazzetta 3; Perego 7; Imasuem 7; Fornaciari N.E. 

Varese : Macrina 1; Fiamberti 11; Paloschi 7; Crespi 5; Biolghini 1; Spertini 6; Armocida 10; Balzaretti 2; Baggio 6; Colasuonno 4 ; Cagnone 0; Modesti 12

Dopo l’odissea per giungere a Busnago (due ore e mezza di viaggio causa incidente in autostrada con traffico paralizzato) il Campus si sbarazza del fanalino di coda Robbiate anche se, rispetto alla partita di andata, i padroni di casa hanno offerto spunti davvero interessanti.
Armocida e compagni sono stati bravissimi ad entrare subito in partita da un punto di vista mentale, anche se tecnicamente hanno sofferto parecchio la grinta e la determinazione degli avversari, andati al riposo addirittura avanti di un punto (30-29).
Nella seconda metà di gara i varesini hanno offerto, invece, una prova più convincente,innescando da subito le marce alte, e trovando il giusto ritmo offensivo e difensivo. Nei primi 4’ dell’ultimo quarto i ragazzi di coach Diamante hanno effettuato il break decisivo portandosi sul più 15, con la possibilità di ruotare senza problemi tutti gli atleti a disposizione.
Da sottolineare la brillante prestazione di Fiamberti , vero e proprio fattore in questa categoria e quella dei due lunghi Baggio e Colasuonno che, settimana dopo settimana, evidenziano miglioramenti davvero incoraggianti per il prosieguo della stagione.
Questa vittoria consacra il Campus in testa alla classifica e permetterà a Crespi e soci di ripresentarsi nel nuovo anno con immutate ambizioni di vertice.
Prossimo appuntamento : Sabato 10 Gennaio , contro Cornaredo,  presso il Centro Sportivo Campus di Via Pirandello, 31 a Varese, alle ore 17,00.

19 dicembre 2014

MATTEO PICCOLI SI AGGIUDICA IL PRIMO "PREMIO GIANNI ASTI", SARA LISCHETTI IL "PREMIO DANTE TROMBETTA"

Ieri giovedì 18 dicembre, in occasione del consueto appuntamento per la benedizione natalizia al collegio De Filippi, il consiglio direttivo della Robur et Fides ha consegnato due importanti premi/borse di studio, dedicati a due colonne portanti della società che da poco ci hanno lasciato, Dante Trombetta e Gianni Asti; come citato dall'attuale Presidente Dott.Carlo Nicora: "il Presidente dei Presidenti" Dante Trombetta e "l'Allenatore degli allenatori" Gianni Asti; 
Premi consegnati ai due atleti più meritoevoli sia sul terreno di gioco dei rispettivi sport che nella vita extra-sportiva;

- il "premio Dante Trombetta" (sezione nuoto) consegnato da Tommaso Trombetta è andato all'atleta nuotatrice Sara Lischetti.

- il "premio Gianni Asti" (sezione pallacanestro) consegnato da Cesare Corti è andato al cestista Matteo Piccoli.



UNDER 14 PROVINCIALE: DOPPIO URRA' PER LA SQUADRA DI COACH DIAMANTE

Baj Valceresio - Robur et Fides Varese  36-55 (14-17, 24-26; 30-41)

Valceresio: Vit 2, Fumagalli 2, Iurlaro, Cera 6, Ansaldo 7, Fronteddu, Orlando 2, Piccinotti 9, Primi 8.

Robur et Fides: Lo Nero, Zavattaro 11, De Molli 5, Bonaria 8, Marini, Zanelli 15, Erbetta 4, Crespi 2, Iori 2, Biganzoli 6, Bizzozero 2.

Da una partita presa sottogamba nonostante la fresca lezione impartita da Malnate e un successo importante come prova di maturità all'ultima giornata della prima fase.
L'intensa settimana roburina è cominciata così e così, nonostante la netta affermazione sulla Baj Valceresio (55-36 sul campo di Arcisate) e s'è conclusa con la vittoria esterna sul difficile parquet di Gazzada Schianno contro il quotato Buguggiate.
Andiamo con ordine: ad Arcisate, i roburini trascinati da Zanelli, hanno avuto bisogno di continui cambi e spiegazioni più precise su come bisognasse stare in campo da coach Raimondo Diamante.
Per fortuna, dopo un inizio svagato, nella seconda parte di gara la squadra ha reagito alle sollecitazioni del coach, proponendo finalmente una circolazione di palla decente e un posizionamento in campo ordinato.
Incassati i due punti senza lode, i roburini hanno lavorato in palestra sui fondamentali di passaggio e terzo tempo per preparare la trasferta di Gazzada, contro una squadra che era riuscita nell'impresa di battere la capolista Pallacanestro Varese.

Basket Buguggiate - Robur et Fides Varese  61-68 (24-17, 36-32; 52-53)

Buguggiate: Zavagnin 4, Biolghini 3, Bongiovanni 18, Rossetti 19, Bernardelli, De Brasi, Magrin, Hamhoume 13, Colombo, Pitarresi 4, Gandini, Sansone.

Robur et Fides: Lo Nero 2, Zavattaro 6, De Molli 14, Bonaria 12, Zanelli 12, Giampaolo, Erbetta, Crespi 7, Iori 9, Bizzozero 2, Villa 4, Visco.

La partita giocata la sera di domenica 14 dicembre è stata entusiasmante e ha dimostrato che quando la squadra di coach Diamante si ricorda d'essere squadra, non c'è avversario o imprevisto (febbre e infortuni in corso di partita) che possa frenare la corsa di De Molli & Compagni.
Dopo un inizio combattuto e segnato da tentate fughe da una parte e dall'altra, i roburini si sono disuniti negli ultimi tre minuti del primo quarto, concedendo ai padroni di casa di prendere il largo sul 24-17.
La reazione dei ragazzi allenati da Diamante non s'è fatta però attendere e dopo pochi minuti di gioco del secondo quarto la gara era di nuovo in sostanziale parità, grazie all'energia dispensata da Bizzozero e Villa, tanto che a metà del tempo si è andati al riposo sul 36-32 per Buguggiate, frutto di un paio di fiammate del chirurgico Hamhoume e dell'ottimo Bongiovanni, bravissimi a punire le distrazioni della difesa varesina. Il capolavoro roburino, nato sulle basi di una tenuta mentale encomiabile anche quando c'era da inseguire un avversario mai domo, è nato nel terzo quarto, chiuso in vantaggio 53-52, al termine di una rimonta completata già nelle prime battute del parziale, anche grazie a due bombe (Bonaria e Zanelli).
Buguggiate ha incassato il colpo e ha cominciato a dare segni di stanchezza nei suoi elementi migliori. E qui è emersa la voglia di vincere dei roburini, bravi a restare compatti anche nelle rotazioni, con le prove da applausi  di Lo Nero (determinante per saggezza e vero leader della squadra), ma anche di Zavattaro, Crespi, Iori e persino di Giampaolo, Erbetta e Visco (che ha giocato per un quarto e mezzo con una distorsione alla caviglia sinistra): questi ultimi tre non sono riusciti a "sporcare" il referto ma hanno strappato rimbalzi e palle vaganti alle mani avversarie, consentendo a De Molli (nove punti negli ultimi dieci minuti...), Bonaria, Zanelli (febbricitante) e Iori di far legna per tutti. E alla fine, nonostante i tentativi di Buguggiate di ricucire uno strappo giunto anche a dieci punti, la Robur et Fides s'è guadagnata applausi e referto rosa, chiudendo la prima fase al quinto posto, primo utile per accedere al girone Silver. Bando ai rimpianti per non essersi dimostrati sin qui da girone Gold: se i roburini  non smetteranno di lavorare sodo e di crederci sino alla fine, alla ripresa del campionato, dal 10 gennaio, per loro potrebbero esserci altri referti rosa e la possibilità di recuperare terreno nei confronti di chi, oggi, s'è meritato il girone dorato.
Per adesso, Buon Natale e miglior inizio di 2015 a tutta la Robur et Fides, alle nostre famiglie e ai nostri avversari dal gruppo provinciale e dal suo coach Ray.

DNB: COELSANUS PRONTA PER IL RISCATTO, ATTESA BOTTEGONE SABATO SERA AL CAMPUS

Non è stato facile il ritorno all’attività agonistica per una Coelsanus che dopo tre settimane di inattività si è ritrovata catapultata sul parquet nel derby con una Sangiorgese affamata di punti ed è capitolata dopo un supplementare. Robur che ha gettato alle ortiche una gara già vinta nei 40′ quando sul +3 a pochi secondi dalla fine non ha speso fallo permettendo a Peroni di mettere la tripla del pareggio e dei 5′ supplementari. Resta l’amaro in bocca, ovvio, per un’occasione sprecata per restare agganciati al secondo posto che comunque dista solo due lunghezze. 
Infatti la Robur è a quota 12 punti insieme a Piombino e alla prossima avversaria Bottegone (domani alle 20:30) mentre il gruppo delle seconde è composto da Livorno, Cecina e Borgosesia a quota 14 punti. Ovviamente, in vetta alla classifica vi è la Mens Sana Siena che nell’ultimo turno ha espugnato proprio il campo del Bottegone davanti a 1330 spettatori conquistando in anticipo il titolo di campione d’inverno e anche il pass per il barrage per la Coppa Italia di categoria. Si capisce quanto sia delicato il match contro i gialloneri toscani che sabato sera arriveranno al Campus determinati a far risultato. 
La formazione di coach Valerio ha già avuto un infortunio importante nel corso della stagione perdendo l’ex Pistoia Fiorello Toppo per un infortunio al ginocchio e domenica scorsa era anche senza Cuccarese che dovrebbe recuperare per la gara con la Coelsanus. I pericoli arriveranno dagli esterni con Giannini, 16,7 punti di media, e Barsanti ben supportati dall’atipico Rossi, 12,3 punti e 5,3 rimbalzi di media. E’ tutto il cast di supporto a funzionare bene nella formazione toscana che ha una pericolosità diffusa e nel suo roster vanta anche la presenza di un lungo importante per la categoria come Ganguzza. 
Che gara sarà? Una partita in cui la Coelsanus dovrà cercare di correre il più possibile per sfruttare i suoi corridori e la capacità di aprire il campo per le sortite dei piccoli liberando anche più spazio sul perimetro per le fiondate di Matteucci. Con una settimana in più di attività e la riattivazione al meglio di Filippo Rovera e Santambrogio e il recupero dall’influenza di Piccoli, saranno molte di più le frecce nella faretra di coach Passera per festeggiare il Natale prima di tornare in pista già il 27 dicembre a Torino contro il Cus.

(Matteo Gallo - VareseSport.com)

UNDER 17 ECCELLENZA: ROBUR SCONFITTA INTERNA CONTRO BLUOROBICA


Robur et Fides Varese - Bluorobica Bergamo 55 - 80 (11-14; 28-38; 42-60)

Robur et Fides: Zanasca 15, Turolla 0, Trentini 2, Moretti 4, Masotti 7, Aspesi 5, Santandrea n.e., Borsani 2, Macchi 7, Mottini n.e., Corti 2, Cadario 11. Allenatore: Todisco - Diamante

Bluorobica: Moro 0, Rota 5, Foresti 3, Epis 2, Celeri 8, Cacciani 2, Mezzanotte 11, Dessì 13, Delli Paoli 4, Albertini 6, Gerardi 12, Oliva 14. Allenatore: Braga - Ubbiali

Arbitri: Borghi - Rigamonti

Non riesce l'impresa alla Robur et Fides contro la forte Bluorobica. I ragazzi di coach Todisco hanno provato a giocare con energia sin dalla palla a due e nel primo quarto hanno creato sicuramente qualche problema agli avversari. La difesa aggressiva a tutto campo ha infatti permesso di sporcare le linee di passaggio, concedendo perlopiù tiri a bassa percentuale ai ragazzi di coach Braga. Ma le rotazioni davvero ridotte all'osso hanno alla lunga messo in evidenza le differenze soprattutto in termini di fisicità (centimetri e chili in più per gli orobici), che dal secondo quarto in avanti hanno allungato con decisione. I roburini sono comunque usciti a testa alta nonostante il divario finale. D'altronde l'obiettivo resta sempre quello di potersi confrontare con le formazioni più accreditate di questo campionato per accumulare esperienza, trovando spunti di lavoro in settimana per poter compiere ulteriori progressi individuali e di squadra.
Ed ora, dopo la pausa natalizia, la Robur riprenderà il proprio cammino giovedì 8 gennaio a Cantù. L'incontro è previsto per le ore 21.15.
Si coglie l'occasione per augurare ad atleti e famiglie un Sereno Natale ed un Felice 2015.

UNDER 17 ELITE: IL CAMPUS SCIVOLA SUL PARQUET DI PAVIA

Pavia – Campus Varese 59-51 (21-16; 36-22; 49-37)

Pavia : Rochiltzer 9; Costa 10; Moretti 5; VIsigalli 3; Barbero 4; Morosini 0; Caciolli 5; lamarca 9; Savini 14
Campus: Fiamberti 10; Paloschi 0; Armocida 8; Balzaretti 4; Modesti 3; Colasuonno N.E. ; Baggio 2; Spertini 7; Dini 2; Biolghini 0; Crespi 15; Bonnell N.E.

Terza sconfitta per il Campus nel Campionato U 17 Elite, che deve cedere il passo alla maggiore determinazione ed alla grinta dei ragazzi dell’Accademia Pavia.
Analizzando le statistiche a fine gara balza all’occhio un clamoroso 29% al tiro dal campo, frutto di un 3/24 da 3 ed un 17/44 da 2.
Con queste cifre sarebbe stato difficilissimo portare a casa la vittoria,ma la squadra ha sempre provato a restare in partita, e questo è un dato comunque significativo al di là dei numerosi errori commessi.
La prima frazione è stata giocata a viso aperto da entrambe le squadre, con il Campus che ha cercato di correre per mantenere i ritmi alti. Di contro i Pavesi hanno risposto con percentuali al tiro strepitose siglando 21 punti in 10’.
Il secondo quarto è stato un vero e proprio incubo per i ragazzi di coach Diamante , che vedevano ogni tiro infrangersi sul ferro, mentre dall’altra parte Pavia continuava a trovare tiri ad alta percentuale. Il parziale di 15-6 a favore dei padroni di casa portava il punteggio sul 36-22 dell’intervallo.
Dopo la pausa lunga i varesini hanno provato in tutti i modi a ricucire il divario, arrivando a meno 7 a 2 minuti dalla fine del terzo quarto, ma due contropiedi consecutivi di Pavia riportavanoil vantaggio interno in doppia cifra (49-37) .
Spertini e compagni, affidandosi ancora una volta alla difesa , iniziavano la quarta frazione col giusto piglio, trovando con continuità la via del canestro nei primi minuti. Purtroppo poi, la frenesia e l’ansia di dover rincorrere gli avversari hanno generato  numerosi in lunetta (8/19 totali) e nel tiro dalla lunga distanza.
Così Pavia ha chiuso meritatamente in testa l’incontro, mentre per i roburini sarà necessario riavvolgere il nastro e pensare al prossimo incontro, in programma giovedì 18 Dicembre , alle ore 19,30 a BusnagocontroiRhinos Robbiate.

18 dicembre 2014

GRANDE FESTA AL CAMPUS PER IL SETTORE MINIBASKET ROBUR ET FIDES!!

Sì è svolta ieri - mercoledì 17 dicembre - la festa natalizia del settore minibasket Robur et Fides che ha visto la partecipazione di oltre 200 bambini dai 4 agli 11 anni, nella stupenda cornice del centro sportivo Campus per l’occasione addobbato a festa. 
Due ore di giochi, gare e staffette che hanno permesso ai piccoli atleti roburini di trascorrere un meraviglioso pomeriggio di festa, arricchito dalla presenza di tutti i giocatori della prima squadra che hanno dato il loro contributo faticando e divertendosi con i propri “fratelli minori”.
Presente alla manifestazione anche gran parte del direttivo societario, a testimonianza dell'impegno e dell'affetto da parte di tutta la Robur et Fides nei confronti delle diverse attività, anche e soprattutto quelle legate ai più piccoli. 
L’evento, organizzato dal responsabile minibasket e capitano gialloblu Martino Rovera in collaborazione con tutto il proprio staff, è stato arricchito anche da un gesto di solidarietà tramite l’Associazione Banco Alimentare Onlus: ogni bambino infatti è stato invitato a procurare degli alimenti che successivamente verranno donati a famiglie bisognose. 
Modo migliore per festeggiare il Santo Natale non poteva esserci per la sezione basket della storica polisportiva di Via Marzorati.

(da VareseNews)

16 dicembre 2014

UNDER 14 ECCELLENZA: DUE PUNTI D'ORO CONTRO L'ARMANI MILANO

ARMANI JEANS MILANO - ROBUR VARESE 59 – 73 (18-26; 32-49; 52-59)

ROBUR VARESE: Somaschini 17, Torrente 9, Trentini 2, Caruso 26, Dal Ben 10,  Schieppati 2, Zanasca, Calcagni, Civelli 4, Tonani 3, Bessi, Natola. All. Pagani

Vittoria di prestigio ottenuta dal gruppo Robur 2001 contro la squadra Armani a Milano, vittoria frutto di una prestazione quasi al limite della perfezione sia a livello di personalità che di percentuali di tiro soprattutto nel 1^ tempo finito con il punteggio di 49 a 32 in favore della squadra varesina.
Un 1^ tempo che ha annichilito la formazione di casa, incapace di trovare facili canestri a difesa schierata ed altresi’ incapace di contenere le folate in campo aperto e la buona circolazione di palla degli ospiti.
Dopo la pausa lunga però i milanesi aumentando la pressione difensiva chiudono il 3^ quarto sotto di 7 punti ,arrivando ad inizio dell’ultimo tempo a -3 , è a questo punto che i roburini ritornando a lavorare meglio in difesa ripartono di slancio vincendo l’incontro con il punteggio di 73 a 59.
Vittoria alla fine meritata ,ottenuta su un campo sempre difficile da espugnare, che deve aumentare la consapevolezza del gruppo sul fatto che le partite vanno vinte sempre con il lavoro ed il sacrificio di tutti : partendo da quelli con più minutaggio, a quelli che devono dare il loro apporto anche in pochi ma altrettanto importanti minuti.