team1

team1

30 gennaio 2015

DNB: ROBUR ET FIDES IN CERCA DI CONFERME, SABATO SERA ATTESA OLEGGIO

Rilanciata dalla scorsa settimana di fuoco, la Coelsanus Varese si rituffa tra le mura amiche del Campus per affrontare la Mamy Oleggio sabato sera alle 20:30. Una Robur assolutamente rinfrancata nell’animo e nello spirito dopo le prove da grande contro Piombino e Livorno. Se nella prima vi era l’attenuante del viaggio infrasettimanale per i toscani, la vittoria in trasferta su uno dei pochi campi caldi di questi serie B ha dimostrato lo spessore tecnico di questa Coelsanus. Vincere a Livorno, dove prima non era passato nessuno straniero in nove partite, e ottenere un importante 2-0 negli scontri diretti è uno dei primi interessanti mattoni posti dalla squadra di coach Passera in ottica playoff. La classifica è ancora molto corta nelle prime posizioni con sei squadre racchiuse in sei punti.
Parlavamo di prova da grande dei gialloblu. Ci sentiamo di affermare che anche contro Oleggio servirà una prova da grande perchè se è facile trovare motivazioni quando si affrontano le prime della classe, è più difficile trovare motivazioni in gare di questo tipo. La formazione piemontese naviga a metà tra un sogno playoff – l’ottavo posto occupato dalla Sangiorgese dista solo due punti – e l’incubo salvezza – l’ultima della classe Torino dista solo quattro punti. Si capisce come questo sia il genere di gara ideale per testare le ambizioni dei gialloblu varesini. Nel motore Robur ci sarà un Filippo Rovera ancora più rodato e un Bolzonella tirato a lucido nelle ultime uscite con delle prove assolutamente superlative.
La gara d’andata ha già visto vincere la Coelsanus: dopo un primo quarto cosi così, la Robur mise il turbo andando a vincere 72-90 con 22 punti di Santambrogio e 31 di Bolzonella. Replicare tale prestazione sarebbe il miglior viatico per poi affrontare altre due gare verità sul futuro della Colesanus: le trasferte di Siena e Cecina e la gara casalinga contro la sorprendente Borgosesia. Tre gare che diranno definitivamente quanto vale questa Coelsanus.

Matteo Gallo

29 gennaio 2015

UNDER 17 ECCELLENZA: ROBUR SCONFITTA IN TRASFERTA A BERGAMO

Bluorobica Bergamo - Robur et Fides Varese 74-60 (28-8; 44-22; 62-43)

Robur et Fides: Trentini 12, Moretti 17, Masotti 2, Aspesi 2, Santandrea 0, Borsani 4, Macchi 12, Mottini 0, Baggio 0, Cadario 11
Allenatore: Todisco - Diamante

Bluorobica: Patroni 4, Moro 9, Oliva 6, Foresti 0, Epis 0, Celeri 2, Cacciani 5, Mezzanotte 14, Dessí 16, Belotti 3, Moretti 5, Gerardi 10
Allenatore: Braga - Ubbiali

Arbitri: Maccarana - Mongelli

Esce sconfitta la Robur dallo scontro con la corazzata bluorobica, ma lo fa a testa alta, provando negli ultimi 10' a recuperare il passivo accumulato nei quarti precedenti.La formazione di coach Braga aveva la necessità di conquistare i due punti per garantirsi il passaggio matematico alla fase Interzona, ed i suoi ragazzi hanno interpretato al meglio l'incontro. La partenza a razzo ha di fatto consentito loro di accumulare un buon vantaggio (28-8 al 10') con i lunghi Dessí e Mezzanotte (16 e 14 punti rispettivamente per loro) a fare la voce grossa sotto i tabelloni. I roburini però, dopo una partenza lenta, hanno tenuto botta, provando a ricucire con Moretti (17 punti in 25') e Macchi (12 punti con 4/7 al tiro , 3/6 ai tiri liberi e 6 rimbalzi). Nonostante le forzate assenze, i dieci giocatori scesi sul parquet hanno provato a dare tutto e, nell'ultimo quarto, la reazione ha prodotto un parziale di 12-2 con alcune giocate di Cadario e di un ritrovato Trentini (12 punti con 6/11 al tiro) , con il vantaggio interno ridotto a soli otto punti (60-68 a due minuti e mezzo dal termine). Ma i padroni di casa, dopo l'attimo di sbandamento, hanno rimesso il piede sull'acceleratore, mettendo in cassaforte il risultato con il parziale finale di 6-0.

Prossimo appuntamento: mercoledì 4 febbraio, presso il Centro Sportivo Campus di Via Pirandello, 31, a Varese, contro la Pall. Cantù, alle ore 20.30.

28 gennaio 2015

UNDER 14 PROVINCIALE: REFERTO ROSA PER LA ROBUR CONTRO MONVALLE

Robur et Fides - Monvalle 105-27 (33-3, 56-9; 82-17)

ROBUR ET FIDES: Lo Nero 6, De Molli 15, Bonaria 15, Zanelli 22, Giampaolo 4, Erbetta 9, Crespi 10, Iori 6, Biganzoli 6, Bizzozero 6, Villa 4, Visco 2.

MONVALLE: Molinaro 9, Selmi G. 12, Bedendo, Ambrosetti, Selmi C. 2, Capalbo, Migliorini, D'Angelo, Moscheni, Schiavi, Bertinato 4, Paroli.

Contro la volenterosa ma meno pronta Monvalle, la Robur et Fides torna al referto rosa nel terzo impegno del girono Silver. La squadra di coach Raimondo Diamante affronta il test poco probante ai fini della verifica dei progressi dopo la pessima prova interna con Ponte Tresa. E lo fa comunque con buona intensità giocando con difesa aggressiva per un quarto e con buoni spunti in contropiede, palesando però i soliti limiti nella conclusione "facile" (sotto canestro e dalla lunetta). Molto bene Zanelli che con l'addio di Zavattaro, da qualche settimana in Brasile con la sua famiglia, dovrà diventare più determinante non solo sotto le plance. Buona prova balistica di Bonaria e De Molli che mettono a segno 15 punti a testa senza mai accelerare.
"Bravi i ragazzi - spiega coach Diamante - a giocaresempre  di squadra e a dare la possibilità a tutti di togliersi lo sfizio di andare a segno, com'è capitato a Niccolò Visco, al terzo rientro da malanni fisici ma già pronto a dare aiuto ai compagni a rimbalzo e in difesa".
Contro Gemonio, domenica 1 febbraio (sempre alle ore 11 nella palestra di vai Marzorati), i roburini sono chiamati a un'altra prova di concentrazione e intensità.

26 gennaio 2015

DNB: UNA COELSANUS DA APPLAUSI ESPUGNA LA CAPOLISTA LIVORNO

Bolzonella 28pts e Matteucci 16pts trascinano la Robur et Fides alla vittoria
Cfg Livorno – Coelsanus Varese 73-79 (16-20, 29-41, 47-54)

Livorno: Liberati 10 (2/3, 0/5), Persico 8 (2/2), Venucci 21 (4/9, 2/6), Lucarelli 12 (5/9, 0/3), Gigena 16 (2/8, 2/5), Granchi 2 (1/2), Sollitto (0/1 da 3), Malfatti 4 (2/6), Thiam, Orsini ne. All. Quilici.

Varese: Bolzonella 28 (6/10, 2/8), Castelletta 6 (3/7), Matteucci 16 (0/4, 3/5), Moalli, Rovera F. 6 (0/1, 2/3), Rovera M. 6 (3/5, 0/1), Lenotti (0/1), Santambrogio 6 (0/1, 2/4), Piccoli 11 (3/5, 1/6), Maruca ne. All. Passera.

Rinasce completamente la Coelsanus che riscatta ampiamente lo stop di domenica scorsa a Monsummano battendo prima la terza forza Piombino al Campus nell’infrasettimanale e poi vincendo a domicilio sul campo della capoclassifica Livorno. Ed è una vittoria che fa la storia del girone dato che nessuno prima della Robur era riuscito a battere i labronici fra le mura domestiche: 9 gare ed altrettante vittorie prima di questo successo. Una Robur capace di comandare per 40′ filati e resistere a una sconfitta beffa con Livorno arrivata a -1 più volte nel corso degli ultimi 60”. Sugli scudi un Bolzonella assoluto dominatore del match che ha realizzato 28 punti con 10/10 ai liberi, 7 rimbalzi 3 assist e altrettanti recuperi. E’ stata, comunque, una vittoria del collettivo dove tutti gli elementi a disposizione di Passera hanno portato il loro mattoncino. Se i possibili discorsi su una flessione sono da archiviare, i soli due punti di distacco da Livorno con il 2-0 negli scontri diretti può anche portare a pensare di puntare al secondo posto in classifica. A patto di stare coi piedi ben piantati per terra, però.
Parte bene la Coelsanus che vola subito al comando nel corso del primo quarto. A dirla l’inizio è da brividi per Livorno che va sotto subito 0-11 con Santambrogio subito ispirato e a segno per due volte dall’arco nei primi 3′. Immediato il time out da parte di coach Quilici per scuotere i suoi pupilli che si aggrappano all’energia di Venucci per risalire la china: proprio un suo assist permette a Lucarelli di siglare il -4: 16-20 al 9′. I cambi non sembrano sortire effetti positivi per Livorno mentre la Robur viene sospinta dall’energia di capitan Martino Rovera e da uno scatenato Bolzonella che viaggia a un punto al minuto: il massimo vantaggio viene toccato sul 17-32 del 16′ con un canestro di Piccoli. Coelsanus che pare padrona del campo con Livorno che riesce ad arrivare a -7 con Gigena in avvio di terza frazione e poi a -6 con una tripla del già citato Gigena: 40-46 al 25′. La Robur sembra accusare la fatica e Livorno, sospinta da un pubblico importante – circa 1000 presenti al Palamacchia – si avvicina fino a -2 con due liberi di Liberati: 47-49 al 29′. La Coelsanus risponde con un parziale di 0-9 a cavallo dei due quarti aperto e chiuso da Castelletta riportandosi sul +11: 47-58 al 32′. Gara finita? Tutt’altro perchè Livorno non si perde d’animo e costruisce subito un contro parziale di 12-2 per il 59-60 a 4’36” dal termine. Si arriva così al rush finale con Livorno che non riesce mai a mettere la testa e la Coelsanus che porta a casa una meritata vittoria grazie alla freddezza in lunetta di Bolzonella e Matteucci.

Matteo Gallo (varesesport.com)

UNDER 17 ELITE: PRIMATO IN SOLITARIA PER IL CAMPUS DI COACH DIAMANTE

Seriana Nembro – Campus Varese 58-76 ( 13-26; 36-36; 39-51)

Varese: Macrina 0; Fiamberti 4; Paloschi 9; Crespi 12; Armocida 6; Biolghini 4; Spertini 14; Serafinelli 7; Balzaretti 7; Modesti 13

Nembro: Noris 7; Suagher 0; Signori 14; Curnis 3; Rovetta 21; Vitali 0; Carrara 2; Curtinuovi 2; Belotti 4; Gualivi 2; Oberti 3

Ennesima prova di forza per l’U 17 Elite Campus, che espugna il difficile campo di Alzano Lombardo (nuovissima sede per le partite casalinghe della Seriana Nembro). I padroni di casa, reduci da quattro vittorie consecutive, cercavano il colpaccio per mantenere ancora vive le speranze di qualificarsi per la fase successiva. I minuti iniziali dell’incontro sono serviti alle due squadre per studiare mosse e contromosse, con ritmi decisamente cadenzati. I ragazzi di coach Diamante sono però usciti da un timeout con molta energia, schiacciando il piede sull’acceleratore e firmando il più 13 del 10’ (13-26).
Ma l’infortunio occorso a Fiamberti dopo appena due minuti dall’inizio del secondo quarto (le sue condizioni verranno valutate nei prossimi giorni)  ha disorientato la truppa varesina che ha subito il rientro di Nembro senza opporre alcuna resistenza. Quattro triple ed una arcigna difesa a zona 2-3 hanno ribaltato il punteggio (36-34 interno con 10’’ da giocare). Ma ci ha pensato capitan Armocida ad impattare sulla sirena con un bel canestro in penetrazione.
Al rientro dagli spogliatoi i varesini hanno ripreso a marciare sui ritmi a loro più congeniali. Spertini in difesa conteneva alla grande l’ottimo Rovetta (21 punti per lui alla fine) ed il parziale di 15 -3 riportava decisamente il sorriso sulle labbra di Crespi e soci.
L’Ultima frazione è stata giocata con grande determinazione e maturità. Vani i  tentativi di rientrare in partita da parte dei bergamaschi, che negli ultimi minuti  hanno allungato la zona a tutto campo, ma senza ottenere grossi risultati. Due contropiedi di Serafinelli ed una tripla sulla sirena di Modesti , hanno permesso ai varesini di chiudere l’incontro con un eloquente più 18.
Prossimo appuntamento: sabato 31 p.v., presso il Centro Sportivo Campus di Via Pirandello,31, a Varese,  contro il Kor San Giuliano, alle ore 17,00.

23 gennaio 2015

DNG: SCIVOLONE ESTERNO CONTRO DESIO PER LA ROBUR

Aurora Desio - Robur Varese   71-51  (16-11;36-23;58-33)

Robur:Vanoni n.e., Innocenti 14 (4/11 1/1 3/7 t.l. 8 rimb in 33'), Corsaro 6 (2/9 2/2 t.l. in 15'), Ferretti 3 (1/4 da tre in 11'), Cattalani 7 (1/4 1/3 2/2 t.l. 7 rec. in 27'), Pol n.e.,Maruca 4 (1/3 1/2 1/2 t.l. 7 rimb in 28'), Moalli 4 (2/3 3 ass in 31'), Pagani 6 (3/7 0/2 t.l. in 18'), Moretti L.(in 2'), Porrini 4 (2/4 0/2 5 rimb 5 rec in 21')

Desio: Casadio, Mazzoleni 2, Castiglioni, Casciano 9, Albique 10, Caglio n.e., Pellizzoni 9, Parma 10, Scroccaro 3, Corti 7, Sivieri, Esposito 14.

Brutto tonfo per la DNG roburina in quel di Desio. Dopo la buona vittoria in casa con Loano arriva una brutta sconfitta in una gara che ha visto i ragazzi di Cattalani soccombere per quasi tutti i 40'. Desio parte più decisa e concentrata e con una difesa asfissiante toglie lucidità all'attacco varesino. La gara è nervosa e nel secondo quarto Desio è già avanti di 22. Solo la zona e una scossa difensiva riduce il gap all'intervallo lungo ma dopo qualche buon minuto all'inizio del terzo quarto La robur si scioglie ed è notte fonda in una partita da dimenticare in fretta.Il rinvio del derby di lunedì 26 vede il prossimo appuntamento per lunedì 2 febbraio al Campus ore 21 nel difficile derby con Cantù.

SERIE D: CASTRONNO SI CONFERMA UN TOP TEAM, IL CAMPUS DEVE ARRENDERSI

Cal Castronno - Campus Varese   96-77 (29-24;51-45;73-65)

Campus: Vanoni 4 (1/2 da tre 1/2  t.l.in 13'), Moretti E. n.e., Corsaro 9 (3/6 1/5 in 29'),  Ferretti 17(4/7 3/7 in 31'), Cattalani 10 (3/5 1/3 1/1 t.l. in 20'), Pol (0/2 da 3) in 20', Moretti L. n.e., Porrini 7 (2/3 1/5 in 25'), Cadario n.e., Assui (in 19'),  Pagani 10 (5/12 in 21')

Castronno: Barbieri 7, Marini 5, Leo 11, Zanzi n.e., Ivone, Cattaneo, Santinon 20, Pehar 27, Binda 22, Colombo, Caproni 4.

Nulla da fare per i giovani del Campus sul campo di Castronno che cedono contro la più esperta formazione di casa per 96 a 77. Punteggio un pò troppo punitivo forse che offusca la comunque gagliarda prestazione dei ragazzi di Cattalani pronti a lottare su ogni pallone nonostante la serie impressionante di triple (ben 14!) subita. Partiti sempre in rincorsa ma sempre vivi, i giovani roburini rispondono con Ferretti e Corsaro ai dardi degli uomini di Monti guidati da Binda che non si risparmia davanti ai suoi ragazzi,che accompagna con la DNG in trasferta,e dal croato Pehar decisamente troppo per la categoria... Al 30' il Campus è ancora in corsa 65-73,e acccorcia ancora di qualche punto fino al 34',ma sul finale lo sforzo profuso viene pagato a caro prezzo. Prossimo impegno venerdì al Campus ore 21 contro Montello per la prima del girone di ritorno.